Community » Forum » Recensioni

Resto qui
3 1 0
Balzano, Marco

Resto qui

Torino : Einaudi, 2018

Abstract: L'acqua ha sommerso ogni cosa: solo la punta del campanile emerge dal lago. Sul fondale si trovano i resti del paese di Curon. Siamo in Sudtirolo, terra di confini e di lacerazioni: un posto in cui nemmeno la lingua materna è qualcosa che ti appartiene fino in fondo. Quando Mussolini mette al bando il tedesco e perfino i nomi sulle lapidi vengono cambiati, allora, per non perdere la propria identità, non resta che provare a raccontare. Trina è una giovane madre che alla ferita della collettività somma la propria: invoca di continuo il nome della figlia, scomparsa senza lasciare traccia. Da allora non ha mai smesso di aspettarla, di scriverle, nella speranza che le parole gliela possano restituire. Finché la guerra viene a bussare alla porta di casa, e Trina segue il marito disertore sulle montagne, dove entrambi imparano a convivere con la morte. Poi il lungo dopoguerra, che non porta nessuna pace. E così, mentre il lettore segue la storia di questa famiglia e vorrebbe tendere la mano a Trina, all'improvviso si ritrova precipitato a osservare, un giorno dopo l'altro, la costruzione della diga che inonderà le case e le strade, i dolori e le illusioni, la ribellione e la solitudine. Una storia civile e attualissima, che cattura fin dalla prima pagina.

101 Visite, 1 Messaggi
Utente 27600
7 posts

La zona dell'Alto Adige è oggi guardata da noi "italiani" (c'é un motivo per la presenza delle virgolette) come il paradiso terrestre: luogo ricchissimo, in cui tutto è perfettamente organizzato e tutto funziona benissimo. Ed è visto anche come una terra straniera, popolata da persone che rifiutano il nostro italiano cantilenante ("... l'italiano qui in Sudtirolo era una lingua esotica... se non me l'avessero fatto odiare dal profondo delle viscere era una bella lingua... a leggerla mi sembrava di cantare.") e parlano una lingua aspra: dura e spigolosa come i lineamenti dei volti che vi si incontrano. Ci guardano con diffidenza e gelido distacco. Perchè i Sudtirolesi non vogliono sentirsi italiani?
A nessuno viene in mente che anche la loro storia contiene un una ferita grave che alimenta ancora un dolore rabbioso e profondo. Astutamente strappati alla rimanente popolazione del Nord, sono stati succubi di un'organizzazione straniera che li ha divelti dalle loro vite: proibiti i soliti vestiti, italianizzati i nomi dei luoghi, sostituite le insegne dei negozi, bandito il tedesco ("... sono andati a molestare anche i morti, cambiando le scritte sulle lapidi"), imposto il coprifuoco, estromessi dal mondo del lavoro. Trina racconta: "Da un giorno all'altro in classe ci siamo ritrovati insegnanti veneti, lombardi, siciliani. Loro non ci capivano, noi non capivamo loro... Li riconoscevi subito quei forestieri arrivati dal Sud, con le valige in mano e il naso all'insù... Dal primo momento è stato noi contro loro. La lingua di uno contro quella dell'altro. La prepotenza del poter improvviso e chi rivendica radici di secoli." Sfregio finale per il paese di Curon: la grande diga, quella diga che sembrava dimenticata ma che viene ostinatamente costruita proprio per l'interesse economico di diverse figure (italiane e svizzere), con la collaborazione della politica italiana di allora. Dov'era l'Italia quando le ruspe hanno violentato i pascoli? O quando le case di un paese sono state fatte saltare? O quando l'acqua ha annegato strade, campi, macerie e speranze? Quanti sforzi per cacciare via coloro che si ostinavano a non abbandonare le proprie cose con caparbietà rabbiosa! Solo il campanile è riuscito a resistere: tutt'ora si eleva con orgoglio fuori dal pelo dell'acqua azzurra, silenzioso accusatore. Lui resta lì.
Peccato che i numerosi turisti, che si ammassano adesso sul pontile per fare foto, non sanno questa storia. O cioè se la leggono su qualche tabellone o su Wikipedia e poi se ne vanno, senza cogliere il disperato messaggio del campanile e la sacralità del luogo. Le parole di Marco Balzano, misurate e semplici ma scorrevoli e precise come un bisturi, costruiscono un racconto delicato e forte allo stesso tempo, che parla di sogni e speranze ma anche di tenacia passionale, offrendoci con chiarezza uno spaccato di Storia che pochi conoscono (e che qualcuno vuole resti ignorata? Mah!). Bravo, Marco.

  • «
  • 1
  • »

2945 Messaggi in 2462 Discussioni di 463 utenti

Attualmente online: Ci sono 5 utenti online