Biblioteca di Arzignano

Biblioteca di Arzignano

Un ponte di libri

Quando
07 September - 23 September 2017
Orario
Non specificato
Dove
Biblioteca civica di Arzignano
Categorie
Mostra
Info
Biblioteca di Arzignano

Crescere estate 250x250

 

Biblioteca Civica di Arzignano
Mostra bibliografica per ragazzi

 

UN PONTE DI LIBRI

 

 

La biblioteca Giulio Bedeschi di Arzignano accoglie l’invito di IBBY Italia ad esporre, dal 9 al 23 SETTEMBRE 2017, i libri che fecero parte della mostra internazionale del 1946 e che costituirono il primo nucleo della Biblioteca di Monaco, contribuendo in questo modo a far conoscere l’opera di Jella Lepman, di IBBY internazionale e di IBBY Italia.

 

 

Jella Lepman

jella

Jella Lepman (Stoccarda, 15 maggio 1891; Zurigo 14 Ottobre 1970)  emigrò in Gran Bretagna nel 1936 per sfuggire alle persecuzioni naziste. Lavorò come giornalista per la BBC e per ABSIE. Nel 1945 le fu proposto dal governo statunitense di coordinare un programma di assistenza alle donne e ai bambini tedeschi. Dopo un’iniziale esitazione, accettò l’incarico. Jella era persuasa che la ricostruzione della Germania e la rinascita culturale dovesse prendere le mosse dai bambini, educandoli alla mondialità, alla pace e alla fratellanza.

Questa è la lettera che con ferma determinazione scrisse ai governanti di oltre venti paesi:

 

“Gentile Signore,
questa lettera contiene una richiesta insolita e le chiediamo la sua particolare comprensione. Stiamo cercando delle strade per mettere in contatto i bambini della Germania con i libri per bambini provenienti da tutte le nazioni. I bambini tedeschi non hanno più nemmeno un libro, dopo che la letteratura per l’infanzia del periodo nazista è stata tolta dalla circolazione. Inoltre, educatori e editori hanno bisogno di libri provenienti dal mondo libero per orientarli e far da guida. I bambini non hanno nessuna responsabilità nella guerra ed è il motivo per cui questi libri per loro dovrebbero essere i primi messaggeri di pace. I libri saranno riuniti in una mostra itinerante che si sposterà attraverso la Germania e poi, forse, anche in altri paesi. Cerchiamo in particolare libri di sole figure o comunque molto illustrati, che aiutino a superare la barriera linguistica. Ma speriamo anche di rendere fruibile la letteratura che racconti una storia utile al lavoro di gruppo che intendiamo fare. Speriamo che gli editori tedeschi potranno ottenere i diritti di traduzione di gran parte di questi libri. Inoltre, vorremmo chiedere al suo paese disegni e quadri realizzati dai bambini. Le immagini parleranno una lingua universale e rallegreranno i bambini ovunque.”

 

Poco a poco facciamo in modo di mettere questo mondo sottosopra nuovamente nel verso giusto, cominciando dai bambini. Mostreranno agli adulti la via da percorrere“. Jella Lepman