Isola Vicentina

Chi siamo

Ci trovi anche su Facebook digitando Biblioteca Comunale "R. Guardini"

 La Biblioteca  è uno dei servizi del Comune di Isola Vicentina.

Dal 2000 è entrata a far parte di SBPV - Servizio Bibliotecario Provinciale Vicentino.

Dal 2016 fa parte di RBV Servizio Bibliotecario Vicentino.

Dall'agosto 2008 ha trovato la definitiva ubicazione all'interno di Villa Cerchiari.

Nel 2010 ha aderito al progetto Biblioinrete che ha consentito di creare un unico catalogo on line ed un'anagrafe unica degli utenti che possono accedere, tramite la propria tessera sanitaria, ai servizi di tutte le biblioteche. L'adesione al progetto, che ha indiscutibilmente migliorato i servizi, ha apportato significativi favorevoli riscontri degli utenti.

I LOCALI

Le raccolte documentarie sono distribuite in ambienti spaziosi e confortevoli, progettati tenendo conto delle varie necessità.

La scalinata dà accesso direttamente al salone nobile al cui interno si trova una ricca sezione di letteratura e  i settori di Storia locale  con testi sulla storia di Isola Vicentina  e dei suoi illustri concittadini.

Importante rilievo viene dato alle raccolte dedicate a Romano Guardini, illustre pensatore del novecento, a cui la biblioteca è intitolata.

Sempre nel salone, sul lato nord dei tavoli e delle sedute per la lettura dei quotidiani.

Sul salone si affacciano tre sale di cui a destra due sale riservate alla narrativa.

Nella sala n.2 sono esposte opere del maestro Paolo Lovato.

 Sulla sinistra si apre l'accesso alla sala n. 3 con la reception e l'emeroteca.

                                          

Da questa sala, tramite un disimpegno, si accede alla mediateca al cui interno si trovano  postazioni Internet al pubblico.

Le sale al piano nobile sono utilizzate anche per esposizioni pittoriche e fotografiche su richiesta di artisti.

Due scalinate portano alle tre sale studio del primo piano e al piano terra.

Piano terra

Al piano terra si incontra la "sala ristoro"  in cui in cui è possibile il consumo di cibi e bevande. Sono presenti due distributori automatici, negli numerosi espositori di riviste;

A sinistra la colorata sala riservata ai bambini (0-6) con una postazione operatore.

e una sala per i ragazzi (6-14),

Una sala laboratorio con una ricco settore per le  "ricerche scolastiche", una postazione Internet  per i minori, una sezione fumetti e DVD.

Altre due stanze sono dedicate agli adulti di cui una riservata al settore Storia e una riservata alle scienze sociali, all'interno di questo locale trovano posto per  specifiche ricerche un "angolo genitori", un angolo "storie vere"


Il corridoio porta ai servizi (n.3) e nel disimpegno trova posto un fasciatoio a disposizione delle mamme per le necessità dei più piccoli.

Per ultimo il locale adibito a  deposito librario il cui accesso è riservato al personale.

Sul retro della villa è posta l'entrata facilitata per consentire l'accesso alle mamme con neonati e a quanti hanno problemi di deabulazione. L'ascensore  porta  direttamente al piano nobile.

Sempre sul retro il cortile  consente di organizzare le attività durante il periodo estivo.

Sul lato est della villa il parco in cui si svolgono parte delle attività culturali promosse dal Comune.

 

Al piano primo si trovano tre aule studio prevalentemente usufruite dagli studenti che frequentano le scuole superiori e le facoltà universitarie.

Attività


Durante l'anno vengono promosse attività culturali e di promozione alla lettura ad ingresso libero.

Il personale progetta ed elabora proiezioni che vengono proposte al pubblico in determinate occasioni ed anniversari. La biblioteca collabora, con Enti ed Associazioni del territorio e non, nell'organizzazione di eventi culturali quali per esempio corsi, mostre documentarie, pittoriche e fotografiche.

 

.

 La formazione di un gruppo di lettori volontari permette di offrire cicli di incontri di lettura (anche multiculturali) e laboratori  rivolti ai bambini.

Collaborazione con le scuole

 

previa prenotazione la responsabile è a disposizione per visite guidate delle scolaresche e letture ad alta voce.

Servizi

Oltre ai tradizionali materiali supporti cartacei (libri, riviste ecc.), la Biblioteca offre ai sui utenti materiali audio e video  e 2 postazioni per l'accesso a internet, per videoscrittura e ascolto/visione di multimediali.

   In questo momento  è' attivo il servizio Wi-Fi

 

Settori locali

All'interno della biblioteca si trovano ulteriori settori  :

presso l'ufficio amministrazione:

Archivio storico: custodito in appositi armadi è depositata parte dei faldoni di archivio di deposito del Comune. L'archivio è consultabile da parte di studiosi o appassionati del territorio su presentazione di richiesta scritta e previo appuntamento.

In occasione del centenario della Grande Guerra sono stati digitalizzati i documenti archivistici realtivi al periodo bellico  e trascritti i contenuti delle liste di leve che vanno dal 1840 al 1900. 

Attraverso la creazione dei relativi elenchi è oggi possibile rispondere ad eventuali richieste di notizie relative ai deceduti, ai prigionieri e ai decorati che hanno combattuto durante la  I^ Guerra Mondiale e  che risiedevano, all'epoca, nel Comune di Isola Vicentina.

Archivio Fotografico: La biblioteca da anni persegue lo scopo di ricercare, digitalizzare e archiviare foto inerenti la vita del Comune dall'inizio dello scorso secolo. L'archivio viene continuamente incrementato da parte dei cittadini che prestano, per la digitalizzazione e la riproduzione delle copie i propri archivi familiari.


          

La raccolta ha permesso l'organizzazione  esposizioni pubbliche che hanno riscosso notevole successo. Nel corso dell'anno in concomitanza con particolari ricorrenze (anniversari storici, serate culturali, ecc.) vengono proposte esposizioni di parte del materiale.

Attraverso la raccolta orale dei cittadini che hanno vissuto il periodo bellico della II^ Guerra Mondiale sono stati prodotti due DVD al cui interno appaiono numerose fotografie depositate nell'archivio.

Centro Studi Romano Guardini    


L'Amministrazione Comunale ha istituito, all'interno della biblioteca, il Centro Studi dedicato a Romano Guardini che raccoglie, oltre ai suoi scritti, le pubblicazioni da parte di altri studiosi e quanto viene pubblicato tramite la rete internet .

Sono conservati ma non visibili ancora al pubblico, alcuni scritti e cimeli personali del'insigne teologo.

Il Centro Studi promuove Convegni Nazionali e Internazionali, conferenze e dibattiti sulla figura e l'opera dello studioso. 

La direzione del Centro è affidata alla Responsabile della Biblioteca Comunale R. Guardini,  Rosaria Ielacqua che viene coadiuvata nella ricerca, negli studi e nella promozione di eventi,  da due studiosi del pensiero Guardiniano: la dottoressa Giuliana Fabris e lo storico Albano Berlaffa.

Dal 2010 il Centro Studi collabora, nell'organizzazione di attività culturali, con l' I.S.S.R. (Istituto Scienze Religiose) "Santa Maria di Monte Berico" di Vicenza, con altri Enti, Parrocchie e altri Istituti italiani.

Dal 2012 collabora con il centro culturale di Mooshausen (Germania), luogo in cui Guardini risiedeva durante il periodo della dittatura nazista e intrattiene rapporti di costante collaborazione e di amicizia con la biografa di Guardini, prof.ssa Hanna Barbara Gerl-Falcovitz.

Nel 2016 l'arcidiocesi di Monaco e Frisinga tramite  il cardinale Reinhard Marx ha nominato il postulatore, la commissione storica e i censori teologici per la causa di beatificazione.

Si tratta di un evento del tutto particolare perché  suggella, la continuità ideale che lega, pur nella sensibile diversità degli stili, papa Benedetto a papa Francesco.

Guardini è stato, infatti, il pensatore italo-tedesco che ha segnato la formazione intellettuale e spirituale sia di Ratzinger che di Bergoglio.

Il 16 dicembre del 2017 nella cattedrale di Monaco, presente una delegazione di cittadini di Isola Vicentina, il Cardinale Reinhard Marx con la celebrazione della S. Messa Pontificale ha dato l'avvio al processo di beatificazione di Romano Guardini e Fritz Gerlich. Nella sua Omelia il cardinale Marx ha descritto entrambi gli uomini come ispiratori di verità e testimoni del Vangelo.

Romano Guardini ebbe la chiara visione di “ciò che le ideologie del ventesimo secolo hanno fatto alla gente”, ha detto Marx. Inoltre, il sacerdote diocesano nativo italiano e ordinato a Magonza, voleva cercava la verità di Dio nel teatro, nell’arte e nella letteratura. Guardini è considerato uno dei più influenti pensatori cattolici del XX secolo e pioniere del Concilio Vaticano II (1962-1965).