Creato il 09/01/2018 12:36pm da BisbiniE

Trovati 2000 documenti.

Mostra parametri
Questa sera è già domani
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Levi, Lia

Questa sera è già domani / Lia Levi

Roma : E/O, 2018

Dal mondo. Italia

  • Copie totali: 2
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 1

Abstract: Genova. Una famiglia ebraica negli anni delle Leggi Razziali. Un figlio genio mancato, una madre delusa e rancorosa, un padre saggio ma non abbastanza determinato, un nonno bizzarro, zii incombenti, cugini che scompaiono e riappaiono. Quanto possono incidere i risvolti personali nel momento in cui è la Storia a sottoporti i suoi inesorabili dilemmi? E possibile desiderare di restare comunque nella terra dove ci sono le tue radici o è urgente fuggire? Se sì, dove? Esisterà un paese realmente disponibile all'accoglienza? Alla tragedia che muove dall'alto i fili dei diversi destini si vengono a intrecciare i dubbi, le passioni, le debolezze, gli slanci e i tradimenti dell'eterno dispiegarsi della commedia umana. Una vicenda di disperazione e coraggio realmente accaduta, ma completamente reinventata, che attraverso il filtro delle misteriose pieghe dell'anima ci riporta a un tragico recente passato.

Il mio diario segreto dell'olocausto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bannister, Nonna - Bannister, Nonna

Il mio diario segreto dell'olocausto : una storia vera : sono una sopravvissuta : adesso è giunto il momento di raccontare al mondo la mia storia / Nonna Bannister ; con Denise George e Carolyn Tomlin

Nuova ed.

Roma : Newton Compton, 2018

I volti della storia ; 450

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Per cinquant'anni un terribile segreto è rimasto nascosto, chiuso dentro a un baule in soffitta: foto, documenti, pagine di diario. È il racconto drammatico e insieme commovente - dell'Olocausto visto attraverso gli occhi di una ragazzina che ha sperimentato sulla propria pelle la deportazione, la morte dei suoi cari, la liberazione dalla prigionia. Una ragazzina che però ha chiuso dentro al suo cuore questa tragica esperienza, senza farne parola con nessuno, nemmeno con il marito, per decenni. Finché, ormai anziana e prossima alla morte, ha deciso che il mondo dovesse conoscere la sua storia. Una voce vera e diretta dell'orrore nazista nelle sue semplici parole di bambina. Una storia di dolore, perdono, amore e perdita. Da non dimenticare, per non dimenticare.

Storia di due amici e un nemico
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Russo, Carla Maria

Storia di due amici e un nemico / Carla Maria Russo ; illustrazioni di Sara Ugolotti

Milano : Piemme, 2018

Il battello a vapore. Serie arancio ; 174

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Luigi ed Emanuele, entrambi orfani, crescono nel collegio milanese dei Martinitt. La guerra imperversa, ma la grande amicizia che lega i due ragazzini gli permette di non perdere la speranza e l'ottimismo. Nulla possono, però, contro la ferocia e l'orrore delle leggi razziali, che stravolgono le loro vite e i loro cuori... Età di lettura: da 9 anni.

Lager
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Viberti, Pier Giorgio - Viberti, Pier Giorgio

Lager : inferno e follia dell'olocausto / Pier Giorgio Viberti

Nuova ed.

Firenze ; Milano : Giunti, 2018

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 3

Abstract: L'esistenza dei lager non deve trasformarsi in un concetto astratto. Vanno custodite e tramandate per sempre la loro realtà storica, la consapevolezza di come si sono compiute le scelte ideologiche che li hanno generati, l'importanza delle scelte di comportamento dei singoli, fuori e dentro al lager, che hanno determinato per tanti la vita o la morte. Questo libro raccoglie dati, prove, testimonianze dirette per raccontare la struttura e l'organizzazione dei luoghi più spaventosi che l'Occidente abbia conosciuto, le relazioni tra oppressori e oppressi, la follia delle sperimentazioni "scientifiche", tante storie di eroismo e di abiezione. Vi sono spiegati gli strumenti di gestione che il nazismo si diede per rendere i lager un luogo di annientamento del nemico, ma anche di enorme rendita economica. Senza mancare di spiegare il tragico percorso fatto dalla dittatura nazifascista di Hitler, che ha trasformato l'odio antisemita nell'aberrazione dell'Olocausto.

Il tatuatore di Auschwitz
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Morris, Heather - Beretta, Stefano

Il tatuatore di Auschwitz

Garzanti, 18/01/2018

Abstract: Non esiste luogo in cui l'amore non possa vincere"Un romanzo già venduto in tutta Europa."The BooksellerIl cielo di un grigio sconosciuto incombe sulla fila di donne. Da quel momento non saranno più donne, saranno solo una sequenza inanimata di numeri tatuati sul braccio. Ad Auschwitz, è Lale a essere incaricato di quell'orrendo compito: proprio lui, un ebreo come loro. Giorno dopo giorno Lale lavora a testa bassa per non vedere un dolore così simile al suo finché una volta alza lo sguardo, per un solo istante: è allora che incrocia due occhi che in quel mondo senza colori nascondono un intero arcobaleno. Il suo nome è Gita. Un nome che Lale non potrà più dimenticare.Perché Gita diventa la sua luce in quel buio infinito: racconta poco di lei, come se non essendoci un futuro non avesse senso nemmeno un passato, ma sono le emozioni a parlare per loro. Sono i piccoli momenti rubati a quella assurda quotidianità ad avvicinarli. Dove sono rinchiusi non c'è posto per l'amore. Dove si combatte per un pezzo di pane e per salvare la propria vita, l'amore è un sogno ormai dimenticato. Ma non per Lale e Gita, che sono pronti a tutto per nascondere e proteggere quello che hanno. E quando il destino tenta di separarli, le parole che hanno solo potuto sussurrare restano strozzate in gola. Parole che sognano un domani insieme che a loro sembra precluso. Dovranno lottare per poterle pronunciare di nuovo. Dovranno conservare la speranza per urlarle finalmente in un abbraccio. Senza più morte e dolore intorno. Solo due giovani e la loro voglia di stare insieme. Solo due giovani più forti della malvagità del mondo.Il tatuatore di Auschwitz è il libro del 2018 e nessun editore ha potuto lasciarsi scappare una storia così intensa da far vibrare le corde più profonde dell'animo. Una storia che presto diventerà un film. Il dolore che Lale e Gita hanno conosciuto e l'amore grazie al quale lo hanno sconfitto sono un insegnamento profondo: perché restano ancora molte verità da scoprire sull'Olocausto e non bisogna mai smettere di ricordare. Un romanzo sul potere della sofferenza e sulle luci della speranza. Su una promessa di futuro quando intorno tutto è buio.

Oggi siamo vivi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pirotte, Emmanuelle

Oggi siamo vivi : romanzo / Emmanuelle Pirotte ; traduzione di Roberto Boi

[Milano] : Editrice Nord, 2017

Narrativa ; 687

  • Copie totali: 21
  • A prestito: 14
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Dicembre 1944. I tedeschi stanno arrivando. Il prete di Stoumont, nelle Ardenne, ha un'unica preoccupazione: mettere in salvo Renée, un'orfana ebrea nascosta nella canonica. E, d'un tratto, il miracolo: una camionetta con due soldati americani si ferma davanti alla chiesa e lui, di slancio, affida a loro la piccola. Ma quei due soldati hanno solo le divise americane: infatti si chiamano Hans e Mathias e sono spie tedesche. Arrivati in una radura, Hans prende la pistola e spinge la bambina in avanti, in mezzo alla neve. Renée sa che sta per morire, ma non ha paura. Il suo sguardo va oltre Hans e si appunta su Mathias. È uno sguardo profondo, coraggioso. Lo sguardo di chi ha visto tutto e non teme più nulla. Mathias alza la pistola. E spara. Ma è Hans a morire nella neve, con un lampo d'incredulità negli occhi. Davanti a Mathias e Renée c'è solo la guerra, una guerra in cui ormai è impossibile per loro distinguere amici e nemici. E i due cammineranno insieme dentro quella guerra, verso una salvezza che sembra di giorno in giorno più inafferrabile. Incontreranno persone generose e feroci, amorevoli e crudeli. Ma, soprattutto, scopriranno che il loro legame - il legame tra un soldato del Reich e una bambina ebrea - è l'unica cosa che può dar loro la speranza di rimanere vivi...

L'uomo del treno
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Altieri, Fabrizio

L'uomo del treno / Fabrizio Altieri

Milano : Piemme, 2017

Il Battello a vapore

  • Copie totali: 7
  • A prestito: 5
  • Prenotazioni: 0

Abstract: L'Orso e quelli che lavorano per lui alla falegnameria sanno cosa stanno rischiando quando sostituiscono uno dei vagoni dei treni tedeschi che viaggiano verso i campi di sterminio. E la loro delusione è cocente nello scoprire che il vagone ha un solo passeggero, proprio l'unico che non voleva essere salvato. Andrea sta infatti disperatamente cercando di raggiungere la moglie e la figlia, portate via dal Ghetto di Roma, e viaggia con una valigia da cui non si separa mai... Lo spunto per il romanzo nasce da una storia vera, quella di Karol Borsuk, un matematico ebreo polacco che, radiato dall'Università di Varsavia, per sopravvivere durante l'occupazione nazista inventò un gioco da tavolo che si mise a produrre in casa propria e a vendere. Età di lettura: da 12 anni.

L'orsetto di Fred
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Argaman, Iris

L'orsetto di Fred / Iris Argaman ; disegni di Avi Ofer ; traduzione di Elena Loewenthal

Roma : Gallucci, 2017

  • Copie totali: 7
  • A prestito: 7
  • Prenotazioni: 0

Abstract: La storia dell’Orsetto e del suo padroncino Fred, il racconto di un’amicizia profonda negli anni tragici della Seconda guerra mondiale. A narrarla è proprio l’Orsetto, che per tutto il tempo ha tenuto compagnia al bambino dalla tasca del cappotto o sul davanzale di una finestra. Da lui apprendiamo come e perché i genitori di Fred furono costretti a nascondere il figlio (e con lui l’Orsetto) presso altre famiglie, del loro lungo peregrinare e della persecuzione nazista degli ebrei. Entrambi sono sopravvissuti alla Shoah. Fred ha poi lasciato l’Olanda e da allora vive negli Stati Uniti. L’Orsetto dà testimonianza della sua storia di sopravvissuto allo Yad Vashem, il memoriale dell’Olocausto a Gerusalemme.

La strada di casa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Guida, Elisa <1982- >

La strada di casa : il ritorno in Italia dei sopravvissuti alla shoah / Elisa Guida

Roma : Viella, 2017

I libri di Viella ; 257

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Che cosa è accaduto ai superstiti italiani di Auschwitz, Mauthausen, Buchenwald, Ravensbrück e Dachau? Chi si occupò di loro, e che cosa significò tornare a casa dopo essere sopravvissuti all’esperienza più drammatica del Novecento? Esito di un’ampia ricerca, il volume tenta di rispondere a questi interrogativi e fa luce su alcuni squarci della storia del rimpatrio, in cui s’intrecciano drammi personali e collettivi. Viene così introdotto, sulla base di una rigorosa analisi delle fonti, uno sguardo innovativo sulla storia della Shoah e su quella dell’Italia, colta nella fase di transizione alla democrazia. Ne deriva una storia corale che parla di ricostruzione, di incontri e di abbandoni, e racconta un’umanità che dimostrò poco interesse per le sorti dei reduci dai Lager nazisti.

Il ciliegio di Isaac
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Farina, Lorenza

Il ciliegio di Isaac / Lorenza Farina ; illustrazioni di Anna Pedron

[Milano] : Paoline, 2017

  • Copie totali: 8
  • A prestito: 3
  • Prenotazioni: 7

Abstract: Isaac, un bambino ebreo, internato in un campo di concentramento incontra un giovane zingaro, Rasìm, che si prende cura di lui, salvandogli la vita. Un ciliegio in fiore ricorderà per sempre la loro amicizia.

La verità negata [DVD]
0 0 0
Videoregistrazioni: DVD

La verità negata [DVD] / un film di Mick Jackson

[S.l.] : 01 distribution, [2017]

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 3
  • Prestabile dal: 01/10/2018

Abstract: Basato sul famoso libro “Denial: Holocaust History on Trial” di Deborah E. Lipstadt, il film racconta della battaglia legale intrapresa dall’autrice, contro il negazionista David Irving, che negava l'Olocausto e che citò la scrittrice in giudizio per diffamazione. Il sistema legale britannico prevede in questi casi che l'onere della prova spetti all'imputato toccò quindi a Lipstadt e al suo gruppo di avvocati guidato da Richard Rampton provare una verità fondamentale, ovvero che l'Olocausto, uno degli eventi più gravi e significativi del XIX secolo, era tutt'altro che un'invenzione.

La signora dello zoo di Varsavia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ackerman, Diane

La signora dello zoo di Varsavia / Diane Ackerman ; traduzione di Mara Dompè

[S.l.] : Sperling & Kupfer, 2017

Saggi

  • Copie totali: 13
  • A prestito: 12
  • Prenotazioni: 26

Abstract: Varsavia, 1939. Antonina Zabinska e suo marito, il dottor Jan Zabinski, gestiscono lo storico zoo della città con cura e dedizione. Quando la Polonia viene invasa dai nazisti, però, oltre ai bombardamenti e all'occupazione la coppia è costretta a sottostare anche al nuovo capo zoologo nominato dal Reich, Lutz Heck, che prevede un programma di allevamento selettivo per la struttura. Reagendo allo sgomento, i due coniugi si impegnano prima a salvare gli animali superstiti e poi, quando la violenza nazista si accanisce contro gli ebrei, non esitano a trasformare lo zoo e i suoi sotterranei in un rifugio per i perseguitati. All'odio per chi è diverso e alla follia di voler imporre alla natura un disegno mitomane, Antonina e Jan oppongono l'amore e il rispetto per la vita e per gli esseri umani, a costo di mettere in pericolo la propria famiglia. Grazie a loro, più di trecento ebrei e militanti della Resistenza polacca riusciranno a sfuggire alla furia nazista e a mettersi in salvo.

Nebbia in agosto [DVD]
0 0 0
Videoregistrazioni: DVD

Nebbia in agosto [DVD] / [un film di Kai Wessel]

CG Entertainment, 2017

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 3
  • Prestabile dal: 21/12/2018

Abstract: Nella Germania dei primi anni Quaranta, il tredicenne Ernst Lossa, figlio di un commesso viaggiatore rimasto orfano, è un ragazzo brillante ma disadattato. Classificato come "non educabile", a causa della sua natura indomabilmente ribelle finisce in un ospedale psichiatrico gestito dal dottor Veithausen. Ben presto, Ernst scoprirà il triste destino che lo attende.

Marlene
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Munzer, Hanni - Munzer, Hanni

Marlene / Hanni Münzer ; traduzione di Lucia Ferrantini

Firenze [etc.] : Giunti, 2017

A

  • Copie totali: 9
  • A prestito: 9
  • Prenotazioni: 7

Abstract: Cracovia, dicembre 2012. A 97 anni, il volto invecchiato ma lo sguardo ancora indomito, Marlene è ormai una leggenda vivente. Nel suo passato ha avuto molti nomi e molte identità: la star del cinema Greta Jakob, la spia Marlene Kalten, l'aristocratica Anna von Dürkheim. E altrettanti sono stati gli appellativi che la stampa internazionale ha creato per lei: l'ultima diva, la sposa nazista, la Maledetta. Ma chi è veramente Marlene? Quali segreti nasconde? Da anni vive lontano dai riflettori e non concede interviste, ma adesso è giunto il momento di tornare a quella terribile estate di guerra e rivelare a tutti la sua vera storia. Monaco di Baviera, luglio 1944. Sopravvissuta a un raid della contraerea americana, che ha ridotto la città a un cumulo di macerie, Marlene ha perso le tracce della sua amica e compagna di lotta Deborah, ma è ancora determinata a combattere l'orrore nazista. Così, travestita da infermiera, si confonde tra un gruppo di crocerossine e sale a bordo di un treno per la Polonia, nella speranza di unirsi alla Resistenza. Non sa che quel viaggio la porterà dritta nelle mani di un vecchio nemico, e infine su un altro convoglio diretto in uno dei luoghi più infernali mai creati dall'uomo: Auschwitz. Ma il destino ha ancora in serbo un'ultima sfida per Marlene: compiere un attentato che potrebbe eliminare le più alte cariche del Reich, a patto di condannare a morte l'uomo che ama...

Il più giovane prigioniero di Auschwitz
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bornstein, Michael - Bornstein, Michael - Bornstein Holinstat, Debbie - Bornstein Holinstat, Debbie

Il più giovane prigioniero di Auschwitz : l’incredibile storia vera del bambino salvato dall’inferno dei campi di concentramento / Michael Bornstein e Debbie Bornstein Holinstat ; [traduzione dall'inglese di Serena Tardioli]

Roma : Newton Compton, 2017

I volti della storia ; 434

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 3
  • Prenotazioni: 5

Abstract: Un ormai famoso filmato d'epoca girato dai soldati sovietici nel 1945, alla fine della seconda guerra mondiale, ha tramandato ai posteri l'immagine di Michael Bornstein bambino mentre, a soli quattro anni, viene portato fuori dal campo di Auschwitz tra le braccia della nonna. "Il più giovane prigioniero di Auschwitz" racconta la straordinaria storia dei Bornstein, ebrei originari di Zarki, in Polonia, e le incredibili traversie che permisero ad alcuni di loro di sopravvivere al campo di concentramento nazista più terribile e tristemente noto. Attraverso documenti personali e numerose interviste ai superstiti e ai parenti che hanno condiviso con i Bornstein l'orrore dell'Olocausto, Michael ha ricostruito, con l'aiuto della figlia Debbie Bornstein Holin-stat, la straziante esperienza vissuta in un inferno dal quale in pochi sono potuti tornare indietro. Un libro documentatissimo, ma soprattutto una narrazione diretta ed empatica che permette al lettore di ritrovarsi catapultato all'interno delle baracche di Auschwitz e capire come i Bornstein siano riusciti a sopravvivere e ad attraversare una delle più umilianti e terribili pagine della storia moderna.

La ragazza della neve
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jenoff, Pam

La ragazza della neve / Pam Jenoff ; [traduzione di Tullia Raspini]

Roma : Newton Compton, 2017

Nuova narrativa Newton ; 788

  • Copie totali: 10
  • A prestito: 9
  • Prenotazioni: 21

Abstract: Noa ha sedici anni ed è stata cacciata di casa quando i genitori hanno scoperto che è rimasta incinta dopo una notte passata con un soldato nazista. Rifugiatasi in una struttura per ragazze madri, viene però costretta a rinunciare al figlio appena nato. Sola e senza mezzi trova ospitalità in una piccola stazione ferroviaria, dove lavora come inserviente per guadagnarsi da vivere. Un giorno Noa scopre un carro merci dove sono stipate decine di bambini ebrei destinati a un campo di concentramento e non può fare a meno di ricordare suo figlio. È un attimo che cambierà il corso della sua vita: senza pensare alle conseguenze di quel gesto, prende uno dei neonati e fugge nella notte fredda. Dopo ore di cammino in mezzo ai boschi Noa e il piccolo, stremati, vengono accolti in un circo tedesco, ma potranno rimanere a una condizione: Noa dovrà imparare a volteggiare sul trapezio, sotto la guida, della misteriosa Astrid. In alto, sopra la folla, Noa e Astrid dovranno imparare a fidarsi luna dell'altra, a costo della loro stessa vita

Noi, i salvati
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Hunter, Georgia

Noi, i salvati / Georgia Hunter ; traduzione di Alessandro Storti

[S.l.] : Nord, 2017

Narrativa ; 720

  • Copie totali: 16
  • A prestito: 15
  • Prenotazioni: 1

Abstract: Per quanto tempo si può ignorare la realtà? Quanto si può continuare a parlare di feste e problemi di cuore, con la guerra che incombe? I fratelli Kurc hanno cercato di resistere fino all'ultimo: Addy aggrappandosi alla musica, Mila occupandosi della figlia appena nata, Genek aiutando gli altri grazie al suo lavoro di avvocato, Jakob rifugiandosi nei sogni e Halina nascondendo la paura dietro un atteggiamento da ribelle. Tuttavia, nel settembre del 1939, devono arrendersi all'evidenza: la Polonia non è più un posto sicuro per una famiglia di ebrei. Così, per sfuggire al nazismo, sono costretti a dividersi: chi prova a imbarcarsi per gli Stati Uniti, chi scappa in Russia, chi si nasconde in piena vista con una falsa identità ariana. Armati solo del proprio coraggio e della forza della disperazione, i fratelli Kurc dovranno adattarsi a questa nuova esistenza di clandestini, affrontando la fame e il freddo, la solitudine e le persecuzioni, senza sapere se il prossimo passo li farà cadere tra le mani del nemico o più vicini a un porto sicuro da chiamare casa. Eppure nessuno di loro perderà mai la speranza, un giorno, di potersi ritrovare intorno a un tavolo e brindare a loro, i salvati...

Un gomitolo aggrovigliato è il mio cuore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ferri, Edgarda - Ferri, Edgarda

Un gomitolo aggrovigliato è il mio cuore : vita di Etty Hillesum / Edgarda Ferri

Milano : La nave di Teseo, 2017

Le onde

  • Copie totali: 8
  • A prestito: 5
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Esther Hillesum, detta Etty, è una ragazza olandese di origini ebraiche, colta, curiosa, dalla sensibilità inusuale. Appassionata di letteratura russa e lettrice vorace, lavora come dattilografa al Consiglio Ebraico: la sua è una condizione privilegiata, allo scoppiare della Seconda guerra mondiale e con l'inizio delle persecuzioni razziali potrebbe scappare e salvarsi. Potrebbe coltivare i suoi studi, scoprire l'amore che comincia ad affacciarsi nella sua vita, realizzare i mille sogni suggeriti dalla sua fantasia. Ma decide di non abbandonare la sua famiglia, il suo popolo, e di condividerne fino in fondo la sorte. Così, il 7 settembre 1943, dopo i mesi passati nel campo di transito di Westerbork, sale su un treno per Auschwitz da cui, quasi trentenne, non farà più ritorno. In questo appassionante ritratto, che si legge come un romanzo di grande intensità, Edgarda Ferri racconta l'animo ribelle e poetico di Etty Hillesum, gli anni della gioventù e della guerra affrontati con uno spirito mai esausto, un "umanesimo radicale" che ha trovato nelle pagine del suo diario e delle sue lettere un'altissima interpretazione letteraria. Considerata uno dei simboli della Shoah, la vita e l'opera di Etty Hillesum sono diventate fonti di ispirazione contro l'oblio della memoria, esempi di altruismo e solidarietà capaci di sopravvivere alle atrocità della storia. Questo libro ci trasporta con intimità e rispetto nei suoi momenti privati, nelle scelte coraggiose, nel cuore tormentato di una donna dalla forza indomita e mai dimenticata.

La bambina che guardava i treni partire
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Long, Ruperto

La bambina che guardava i treni partire / Ruperto Long ; [traduzione dallo spagnolo di Amaranta Sbardella]

Roma : Newton Compton, 2017

3.0

  • Copie totali: 11
  • A prestito: 10
  • Prenotazioni: 9

Abstract: Francia, 1940. La guerra è ormai alle porte e i Wins, famiglia ebrea di origine polacca, rischiano di essere deportati. Alter, lo zio, è partito per la Polonia nel tentativo di salvare i suoi familiari, ma è stato preso e rinchiuso nel ghetto di Konskie. Il padre della piccola Charlotte vuole evitare che la sua famiglia subisca lo stesso destino, così si procura dei documenti falsi per raggiungere Parigi. Ma dopo soli quarantanove giorni si rende conto che la capitale non è più sicura e trasferisce tutti a Lione, sotto il governo collaborazionista di Vichy. Charlotte a volte esce di casa, e davanti ai binari guarda passare i treni carichi di ebrei deportati. Ben presto suo padre realizza che nemmeno Lione è il posto giusto per sfuggire alle persecuzioni e paga degli uomini affinché li aiutino a raggiungere la Svizzera. Un viaggio molto pericoloso, perché durante un incidente la famiglia Wins si troverà molto vicina alla linea nazista... Una fuga senza sosta, di città in città, per scampare al pericolo, sostenuta dalla volontà ferrea di un padre di salvare a tutti costi i propri cari.

Oskar Schindler il Giusto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bortolotti, Nicoletta

Oskar Schindler il Giusto / Nicoletta Bortolotti

San Dorligo della Valle : Einaudi ragazzi, 2017

Semplicemente eroi

  • Copie totali: 5
  • A prestito: 2
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Sette sono i rami dell'albero della vita. Sette sono i luoghi in cui si è svolta l'epica avventura di Oskar Schindler, l'uomo che a Cracovia, durante la Seconda guerra mondiale, diede rifugio nella sua fabbrica di stoviglie a migliaia di ebrei. Iscritto al partito nazista, conquistò il cuore nero del male solo per stritolarlo: diventò amico dei più alti funzionari delle SS, corrompendoli con regali lussuosi per comprare la vita dei suoi operai; si guadagnò la fiducia del boia Amon Goth, il sanguinario responsabile del campo di lavoro di Plaszéw; rischiò il tutto per tutto quando, verso la fine della guerra, trasferì la sua azienda in Cecoslovacchia e compilò una lista di 1100 nomi di dipendenti da strappare alle camere a gas. Nomi che non furono vento, ma vita e racconto. Età di lettura: da 10 anni.