Community » Forum » Recensioni

Una rosa sola
0 1 0
Barbery, Muriel

Una rosa sola

Roma : E/O, 2021

Abstract: Rosa fa la botanica, ha quarant'anni, vive a Parigi ed è tristissima. O, per meglio dire, è depressa. Conosce i fiori, ma non li guarda; le piacciono gli uomini, ma solo per una sera; niente la appassiona, niente riesce a smuoverla dalla cappa plumbea in cui trascorrono le sue giornate, la vita le sembra un faticoso percorso senza senso. Così è quasi per forza d'inerzia che parte per Kyoto per assistere all'apertura del testamento del padre. Di lui non sa niente, sa solo che è giapponese e che quarant'anni prima ha avuto un'effimera relazione con la madre. Non l'ha conosciuto da vivo, va a conoscerlo da morto. Ma il Giappone è un altro pianeta e, anche se in un primo tempo le ciotoline da tè e i vialetti di sabbia rastrellata le fanno soltanto rabbia, piano piano si fa strada in lei una consapevolezza del profondo che la porterà a rivalutare se stessa e a vedere con un altro occhio quelle che fino a quel momento le erano apparse solo un'interminabile serie di disgrazie. Accompagnata nel suo viaggio di rinascita da Paul, belga trapiantato in Giappone, fedelissimo segretario del padre, Rosa conoscerà un nuovo concetto di bellezza che la porterà a elaborare un nuovo concetto di amore e quindi di vita.

802 Visite, 1 Messaggi

La scrittrice non si smentisce, delicato racconto di una figlia alla scoperta di un padre mai conosciuto. Ambientato in Giappone, prima di ogni capitolo una breve incursione nella cultura giapponese non disturba, anzi arricchisce. Se avete amato l‘Eleganza del Riccio non rimarrete delusi

  • «
  • 1
  • »

4487 Messaggi in 3768 Discussioni di 660 utenti

Attualmente online: Ci sono 22 utenti online