Community » Forum » Recensioni

I canti d'amore di Wood Place
0 1 0
Jeffers, Honorée Fanonne

I canti d'amore di Wood Place

Milano : Guanda, 2022

Abstract: Il potente romanzo di esordio di Honorée Fanonne Jeffers è il racconto dell'educazione sentimentale di una giovane donna, ma al tempo stesso una grande saga famigliare che attraversa secoli di storia americana. Mescolando con maestria i due piani del presente e del passato, segue il difficile cammino di Ailey Pearl Garfield, che cresce e si forma in una grande città del Nord America, ma fin da bambina ha sempre trascorso le estati nel Sud, in Georgia, dove sono vissuti i suoi antenati materni dopo l'arrivo dall'Africa, in un villaggio che ora si chiama Chicasetta, ma a cui uno schiavista bianco aveva dato il nome di Wood Place. Sulla vita di Ailey, su quella delle sue sorelle e delle donne della famiglia aleggia un terribile segreto, una realtà drammatica con la quale è quasi impossibile venire a patti. Studentessa brillante, Ailey rinuncia al corso di Medicina, intrapreso per seguire le orme dell'amato padre, per dedicarsi alla Storia, guidata da un prozio che le trasmette la passione per le radici e le lotte del suo popolo. Riscoprendole, ritroverà anche se stessa, in un viaggio esaltante e spesso doloroso nel passato della sua famiglia - un incrocio di nativi americani, neri schiavi, neri liberati, padroni bianchi e bianchi poveri - al termine del quale imparerà ad accettare tutta la sua eredità, un'eredità di oppressione e resistenza, schiavitù e indipendenza, crudeltà e coraggio che è la storia - e il canto - dell'America stessa.

279 Visite, 1 Messaggi

Una storia che affonda le sue radici nello schiavismo negli Stati Uniti, passa per il popolo dei nativi americani e si trasforma in una storia di donne di colore fondamentalmente femministe. Sembrano tante 800 pagine ma non mi sono pesate affatto.

  • «
  • 1
  • »

4495 Messaggi in 3776 Discussioni di 661 utenti

Attualmente online: Ci sono 3 utenti online