Community » Forum » Recensioni

Ho scelto la vita
5 1 0
Segre, Liliana

Ho scelto la vita

Milano : Corriere della Sera, 2020

Abstract: “Quel giorno che divenni invisibile, l’altra”: la sua “ultima testimonianza pubblica” per ricordare, da sopravvissuta a Auschwitz, il dramma della Shoah, Liliana Segre l’ha voluta offrire ai giovani della Cittadella della Pace, a Rondine, a pochi chilometri da Arezzo, il borgo dove “i nemici imparano ad essere amici”. Un racconto che comincia da quando Segre aveva solo 8 anni e, all’ora di pranzo, i suoi familiari che le dissero che non poteva “più andare a scuola, espulsa perché ero ebrea. Una delle cose più crudeli delle leggi razziali fu quella di far sentire dei bambini invisibili. Molti miei compagni non si accorsero che il mio banco era vuoto, per anni non mi chiesero niente”. È stato il racconto di “anni duri, di paura, di poliziotti che ci trattavano da nemici della patria”, del tentativo della fuga in Svizzera e di come ci si sente ad essere “clandestina e richiedente asilo” e sapere “cosa vuol dire essere stata respinta”. Fino alla deportazione: “Di fronte alla morte non servono tante parole, perché sono inutili. Quando si sente vicina la morte, c’è solo il silenzio.

70 Visite, 1 Messaggi

Da leggere. E' un breve libricino ma la testimonianza di Liliana Segre è piena di significato in ogni singola parola. Ricordare per non ricadere nello stesso errore: indifferenza e crudeltà.

  • «
  • 1
  • »

4459 Messaggi in 3740 Discussioni di 656 utenti

Attualmente online: Ci sono 3 utenti online